Vasectomia: cosa rimborsa l’assicurazione?

I tre figli desiderati sono già arrivati, la famiglia è completa e ora si pone la questione: a partire da adesso che metodo anticoncezionale vogliamo utilizzare? Un metodo sempre in gran voga è la sterilizzazione dell’uomo, definita vasectomia. Come funziona e quali costi vengono rimborsati dall’assicurazione?

FOTOLIA

La sterilizzazione dell’uomo, definita anche vasectomia, è l’interruzione tramite operazione dei condotti spermatici, oggi il metodo contraccettivo permanente più sicuro. In parole povere durante l’intervento vengono recise delle piccole porzioni di questi condotti.

L’operazione, effettuata in anestesia locale, dura circa 20 minuti. Il successo dell’operazione viene testato tramite un campione spermatico a seguito di 35-40 eiaculazioni. Solo a quel punto sarà possibile abbandonare i consueti metodi contraccettivi.

Quali costi sono coperti dall’assicurazione malattie?
Nel caso di coppie che scelgono di effettuare la vasectomia si pone la domanda se i costi sono coperti dall’assicurazione malattie.

Assicurazione di base
L’assicurazione di base in linea di massima non partecipa ai costi della sterilizzazione dell’uomo, con l’unica eccezione dei casi in cui la sterilizzazione della donna sarebbe necessaria ma non effettuabile per motivi medici*.

*Per es. nel caso in cui una gravidanza potrebbe mettere in pericolo la vita della donna o essere nociva per la sua salute a causa di una malattia o anomalia fisica.

Assicurazione complementare
Alcune assicurazioni complementari partecipano ai costi della vasectomia; nel caso di Sanagate l’ambulatoriale e l’ospedaliera.

L’Assicurazione ospedaliera e l’ambulatoriale non possono essere cumulate.

SHARE....

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*